Mercoledì 19 Ottobre 2016 10:33

'Architects Memories' di Nicola Pagliara. Se ne discute all'Hde con Treccagnoli e Rosi jr.

Continua il viaggio sul filo della memoria di Nicola Pagliara. 'Architets Memories', ultima fatica letteraria del noto architetto alla ricerca costante di un tempo perduto da ritrovare e condividere con i lettori. Se ne discute venerdì 21 ottobre ( a partire dalle 17.30) negli spazi dell'Hde, la galleria multimediale diretta da Francesca Di Transo in via Fiorelli. Un incontro-dibattito promosso ed organizzato con l'associazione Incontri Napoletani presieduta da Patrizia Gioordano-Alario ed il patrocinio dell'Inarch Campania.

Un prezioso breviario di composizione edito da artstudiopaparo in cui l'autore ha ormai reso familiari ai più fedeli tra loro i suoi "posti delle fragole": gli anni giovanili tra Roma, dove è nato, e l’asburgica Trieste, la scoperta della vocazione, l’amore per il cinema di Fellini, il viaggio ( particolarmente lungo le strade ferrate), la rivelazione dei maestri del Novecento( Wagner, Wright, Le Corbusier), la devozione per la qualità artigiana del mestiere vissuto con passione, diligenza ed etica del lavoro.

Il tutto filtrato con affetto nostalgico e immediatezza comunicativa attraverso l’amore per Napoli, la città che accolse lo studioso poco più che adolescente e che avrebbe finito con il diventare una componente ineliminabile della cultura e della sua filosofia di vita e perche no? del suo personaggio pubblico.

Con Pagliara ne discutono l’architetto Riccardo Rosi, consigliere INARCH e il giornalista e scrittore Pietro Treccagnoli, autore del recente successo de “La Pelle di Napoli. Voci di una città senza tempo” ( una raccolta dei reportage fatti dal giornalista del Mattino negli ultimi due anni) e con il quale Pagliara ha in comune quel meraviglioso smarrirsi con la leggerezza che è propria degli uomini di cultura che si misurano direttamente con la vita, nel mistero delle città, rimescolando le carte e mettendo al bando la ripetitività e i luoghi comuni.

 

' Napoli si può salvare proprio per le semplici cose che sa inventare e l'aria provvisoria che riesce a dare alla vita ' chiosa il Maestro.

Un viaggio alla ricerca della memoria, dunque, ma anche di soluzioni possibili, naturalmente secondo la visione dell’autore, su temi di grande attualità: la riqualificazione del centro storico, il recupero dell’area dismessa dell’ex Italsider e il lungomare di Coroglio, tra Nisida e Pozzuoli, a cui lo studioso ha dedicato recentemente una mostra di progetti ( Coropolis - Utopia possibile) esposti al Palazzo delle arti.

Un video tratto da “La Pelle di Napoli” ( riprese di S. Siano e G. Di Biase) apre il dibattito, introdotto da Francesca Di Transo dell'Hde e Patrizia Giordano-Alario di Incontri Napoletani.

Nel corso dell'evento, sarà possibile vedere una anteprima in esclusiva della mostra dell'artista 'Rolando Hettner- il destino di una vita' organizzata in occasione dell'acquisizione da parte del Museo del Novecento di Milano di un corpus di 7 opere e circa 32 disegni( a china/tecnica mista) dell'impressionista italo-tedesco, allievo e poi assistente di Otto Dix. La mostra sarà inaugurata negli spazi Hde martedì 25 ottobre  ( ore 18) con il patrocinio dell'Istituto di cultura Goethe di Napoli

A conclusione della serata, degustazione dei vini offerti dalla Masseria Campito ( CE) delle cugine Di Martino, impegnate nella valorizzazione dell'Aversa Asprinio doc.

ww.hdestudio.com

Galleria Hde, Via Fiorelli 12, Napoli

 

Cenni biografici

Nicola Pagliara nasce a Roma. Dopo aver trascorso la sua adolescenza a Trieste, nel 1947 si trasferisce a Napoli, città dove tuttora vive e lavora. Nel 1958 si laurea in Architettura, a pieni voti, con una tesi sul liberty napoletano dell’inizio ‘900( stimolato dalla sconfinata ed appassionata ammirazione per il lieb Meister viennese di Otto Wagner); l’anno successivo inizia l’attività didattica conseguendo la libera docenza nel 1969. Nel 1977 diventa professore Ordinario di Progettazione Architettonica e due anni dopo, nel 1979, è insignito dal Presidente della Repubblica del premio per l’Architettura dell’Accademia di San Luca.

Nel suo “lungo viaggio” nel mondo dell’architettura, ha pubblicato diversi saggi ed album di progetti, e le sue opere sono state recensite ed ospitate dalle più importanti riviste nazionali ed internazionali. Nel 2012 inizia la sua avventura nella narrativa con 'Amori e delitti: sette novelle&tre racconti criminali', omaggio alla Napoli che ha finito con il segnare la sua vita di uomo e di studioso, successivamente pubblica il secondo libro 'La felicità di essere', (ed. Pironti), un ipotetico diario di una vita niente affatto piatta, banale e senza emozioni.  Alla fine del maggio scorso chiude questa sorta di trilogia con 'Architects Memories', presentato nell’aula magna storica della Federico II, già oggetto anni fa, di un suo raffinato intervento di restauro.

Iscritto all’Albo dei Pubblicisti, scrive sulle pagine di Napoli del quotidiano La Repubblica articoli di varia umanità, dopo aver condotto, per molti anni, la rubrica 'L’Opinione' per il Giornale di Napoli.

 

Links

Studio 147
Guida agli appuntamenti in citta', online tutte le informazioni utili.

SVILUPPO DONNEIMPRENDITRICI
Un network al femminile di donne professioniste, imprenditrici e aspiranti imprenditrici in tutti i campi che creano sinergie per crescere professionalmente.

NeveDonna 2011
L'evento dedicato alla Donna, un'occasione unica di Networking. Tre giornate di sinergie e benessere, di incontri e presentazioni, conferenze e laboratori con e a cura di Donne, Aziende, Imprese, Istituzioni, Club, Circoli, Associazioni, per mettersi in gioco, cogliere e generare opportunità personali, professionali e sociali.

Banco di Napoli
Il Banco di Napoli trae origine dai banchi pubblici dei luoghi pii sorti a Napoli tra il XVI e XVII secolo. Attualmente è una Società del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Istituto Banco di Napoli Fondazione
L'Istituto Banco di Napoli è una Fondazione che persegue fini di interesse sociale e di promozione dello sviluppo economico e culturale nelle regioni meridionali. Ha sede nel Palazzo Ricca, Via Tribunali 213 -Napoli.

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali fu istituito da Giovanni Spadolini, con il compito di affidare unitariamente alla specifica competenza di un Ministero appositamente costituito la gestione del patrimonio culturale e dell'ambiente al fine di assicurare l'organica tutela di interesse di estrema rilevanza sul piano interno e nazionale.

NarteA
NarteA è un’associazione culturale costituita da un gruppo di giovani uniti dalla passione per l’arte in tutte le sue forme ed espressioni ed ha come principale obiettivo la promozione, attraverso la divulgazione, del patrimonio storico e artistico della città di Napoli.

Associazione Amici degli Archivi Onlus
L’Associazione Amici degli Archivi Onlus è stata istituita con atto notarile nel 2000 ed ha come scopo la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano. L’Associazione è presieduta da Giulio Raimondi, già direttore del Grande Archivio di Napoli e Sovrintendente Archivistico per la Campania.

Giovanna Izzo Sampaolesi
Restauri e Conservazione, esecutrice lavori ripristino due Guglie Cavalli di Bronzo e Ciborio SS. Annunziata.

Il Cerchio
Rivista Il Cerchio di Napoli diretta da Giulio Rolando.

Lucio e Mariolina Mirra
Teatro Diana e Teatro delle Palme in Napoli.

Libreria Neapolis
di Annamaria Cirillo, Libreria Napoletana Via San Gregorio Armeno, 4 Napoli.

Al Blu di Prussia
L’idea e il progetto di restituire alla città un luogo d’arte, si deve alla caparbietà della famiglia Mannajuolo, in particolare di Giuseppe Mannajuolo, nipote di quel Guido che ha reso, dal dopoguerra in poi, il suo spazio espositivo un vero e proprio punto di riferimento della cultura figurativa napoletana. Via G.Filangieri 42 - 80121, Napoli.

Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E)
Il Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E), Via Settembrini 79 - 80139 Napoli, sorge nel cuore storico di Napoli, a pochi metri dal Duomo e dal Tesoro di San Gennaro, a cento metri dal Museo Archeologico Nazionale e dall’Accademia di Belle Arti (Galleria d’Arte Moderna), lì dove si sviluppa l’antico quartiere di San Lorenzo.

Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano, Via Monte di Dio 14, 80132 - Napoli, è stato fondato nel 1975 a Napoli da Enrico Cerulli, Elena Croce, Pietro Piovani, Giovanni Pugliese Carratelli e da Gerardo Marotta, che ne è anche il presidente, intorno alla biblioteca umanistica di oltre centomila volumi, messa insieme in un trentennio di pazienti ricerche di fondi librari in tutta Europa.

Civita
Civita ha ampliato nel corso degli anni i propri spazi di intervento operando sul territorio per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese. Oggi il Gruppo Civita è costituito da due diverse realtà, ognuna delle quali possiede una propria specializzazione e funzionalità operativa: l' Associazione Civita e Civita Servizi.

Fondazione Mondragone
La Fondazione Mondragone si trova a Napoli, in piazzetta Mondragone, in un complesso monumentale che comprende la Chiesa di Santa Maria delle Grazie. L'ente promuove l'innovazione nelle attività legate alla Moda. Ospita poi il Museo del Tessile e dell’Abbigliamento "Elena Aldobrandini" che testimonia con il suo patrimonio, la creatività, il gusto e l'antica tradizione che l'artigianato meridionale vanta in tale settore.

Palazzo Reale Napoli
Palazzo Reale di Napoli

Soprintendenza Archivistica per la Campania
Via San Biagio dei Librai, 39 - 80138 Napoli
Presidente Dott.ssa Maria Luisa Storchi

Comitato Civico di S.Maria di Portosalvo
Presidente: Avv. Antonio Pariante - Napoli, C.so Umberto I, 34

Associazione No Comment
L’associazione No Comment nasce a Napoli nel gennaio 1999, con l’intento di fare “memoria visiva” del quotidiano napoletano, dando visibilità ai bisogni dei soggetti disagiati e meno garantiti, promuovendo i valori della solidarietà, della legalità e del bene salute. La No Comment si adopera, nei limiti delle proprie disponibilità, per promuovere una informazione visiva no profit, richiamandosi alle indicazioni dell’articolo 21 della Costituzione Italiana e all’articolo 19 dei Diritti dell’uomo.