Giovedì 29 Ottobre 2015 11:35

Donne e scrittura all'Instituto Cervantes di Napoli

di Patrizia Giordano

Donne e scrittura al Cervantes di Napoli per il V centenario della nascita di Teresa d’Avila (1515-2015) patrona di Spagna e degli scrittori. Oggi pomeriggio, alle 17.30, nell’auditorio dell’Instituto di cultura spagnolo in via Nazario Sauro 23, diretto da Luisa Castro, si svolgerà l’incontro dibattito ”Corazon de mujer” (Cuori di donna), sul valore della scrittura femminile dal viceregno spagnolo ai giorni nostri, organizzato in collaborazione con  Incontri Napoletani e il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli.

Moderati dallo scrittore Maurizio Ponticello, ne discutono la poetessa Olvido Garcia Valdés (Premio National de Poesia, 2007), appositamente in trasferta da Toledo, autrice di numerosi saggi di riflessione letteraria tra cui quello dedicato a “Teresa de Jesus”  e la scrittrice napoletana Antonella Ossorio. Intervengono Massimo Rosi, grande studioso delle influenze del Levante spagnolo sulla cultura e l’architettura meridionali tra ‘400-‘500 e il teologo, Padre Luigi Gaetani, Superiore provinciale dei Carmelitani scalzi di Napoli.

L’incontro vuole riaffermare l’antico e profondo rapporto fra Napoli e Teresa, visto che la santa carmelitana è da 350 anni anche compatrona della città, fra Napoli e la Spagna del siglo de oro attraverso la figura di questa donna che con l’intensità della sua esperienza spirituale ed intellettuale (che arrivò persino a guadagnarle un’accusa di possessione), ha saputo influenzare la letteratura moderna, esaltando il valore etico e civile della scrittura, come strumento di promozione personale e sociale.

“ Per chiunque, credente o no, è impossibile negare che le parole  racchiudano un potere immenso - spiega Antonella Ossorio, autrice del romanzo “La Mammana” ( Einaudi, I Coralli) - Teresa d’Avila non smise mai di ricorrere alla parola scritta per denunciare ingiustizie, affrontare problemi, confidare stati d’animo, una scrittura per lo più autobiografica e appassionata, nonostante i condizionamenti del suo tempo che privavano le donne di qualsiasi avanches culturale e spirituale. In questo è stata una antesignana del femminismo”.

E viaggiando a ritroso nel tempo dai giorni nostri al viceregno spagnolo, la Ossorio sceglie per l’incontro di oggi pomeriggio alcune scrittrici, una per secolo: “ Penso a Eleonora Pimentel Fonseca, Matilde Serao, Anna Maria Ortese, sino a Elena Ferrante, la più rappresentativa dei nostri tempi ma anche a Constanza Ossorio, non per il fatto che ne porti il cognome - precisa - ma perché Costanza, anche lei monaca di clausura alla fine del Cinquecento in un monastero di Siviglia, ha molti punti di contatto a mio dire con Teresa d’Avila.”

Quasi tutte queste scrittrici hanno a che fare con Napoli sebbene nate altrove, ma da questa città, che è senza dubbio femmina, hanno tratto ispirazione. Una relazione a volte complicata. E la Spagna?            ” Naturalmente c’è, dal momento che c’è Napoli nella lingua, nella cultura, in un certo sguardo sulla realtà” ribatte la Ossorio che nei suoi scritti ama spaziare nel favoloso, nell’irreale, invadendo e reinventando storie, denudando miti ancestrali e tabù. Basterebbe inoltrarsi tra i vicoli dei Quartieri spagnoli, dove è nata e cresciuta: “Abbiamo fatto molto per liberarci dalle radici storiche della misoginia, ma forse ci siamo illuse che bastasse scrollarsele di dosso per trovare la libertà. Quella interiore, fa ancora fatica ad affrancarsi” conclude.

Galleria immagini

Links

Studio 147
Guida agli appuntamenti in citta', online tutte le informazioni utili.

SVILUPPO DONNEIMPRENDITRICI
Un network al femminile di donne professioniste, imprenditrici e aspiranti imprenditrici in tutti i campi che creano sinergie per crescere professionalmente.

NeveDonna 2011
L'evento dedicato alla Donna, un'occasione unica di Networking. Tre giornate di sinergie e benessere, di incontri e presentazioni, conferenze e laboratori con e a cura di Donne, Aziende, Imprese, Istituzioni, Club, Circoli, Associazioni, per mettersi in gioco, cogliere e generare opportunità personali, professionali e sociali.

Banco di Napoli
Il Banco di Napoli trae origine dai banchi pubblici dei luoghi pii sorti a Napoli tra il XVI e XVII secolo. Attualmente è una Società del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Istituto Banco di Napoli Fondazione
L'Istituto Banco di Napoli è una Fondazione che persegue fini di interesse sociale e di promozione dello sviluppo economico e culturale nelle regioni meridionali. Ha sede nel Palazzo Ricca, Via Tribunali 213 -Napoli.

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali fu istituito da Giovanni Spadolini, con il compito di affidare unitariamente alla specifica competenza di un Ministero appositamente costituito la gestione del patrimonio culturale e dell'ambiente al fine di assicurare l'organica tutela di interesse di estrema rilevanza sul piano interno e nazionale.

NarteA
NarteA è un’associazione culturale costituita da un gruppo di giovani uniti dalla passione per l’arte in tutte le sue forme ed espressioni ed ha come principale obiettivo la promozione, attraverso la divulgazione, del patrimonio storico e artistico della città di Napoli.

Associazione Amici degli Archivi Onlus
L’Associazione Amici degli Archivi Onlus è stata istituita con atto notarile nel 2000 ed ha come scopo la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano. L’Associazione è presieduta da Giulio Raimondi, già direttore del Grande Archivio di Napoli e Sovrintendente Archivistico per la Campania.

Giovanna Izzo Sampaolesi
Restauri e Conservazione, esecutrice lavori ripristino due Guglie Cavalli di Bronzo e Ciborio SS. Annunziata.

Il Cerchio
Rivista Il Cerchio di Napoli diretta da Giulio Rolando.

Lucio e Mariolina Mirra
Teatro Diana e Teatro delle Palme in Napoli.

Libreria Neapolis
di Annamaria Cirillo, Libreria Napoletana Via San Gregorio Armeno, 4 Napoli.

Al Blu di Prussia
L’idea e il progetto di restituire alla città un luogo d’arte, si deve alla caparbietà della famiglia Mannajuolo, in particolare di Giuseppe Mannajuolo, nipote di quel Guido che ha reso, dal dopoguerra in poi, il suo spazio espositivo un vero e proprio punto di riferimento della cultura figurativa napoletana. Via G.Filangieri 42 - 80121, Napoli.

Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E)
Il Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E), Via Settembrini 79 - 80139 Napoli, sorge nel cuore storico di Napoli, a pochi metri dal Duomo e dal Tesoro di San Gennaro, a cento metri dal Museo Archeologico Nazionale e dall’Accademia di Belle Arti (Galleria d’Arte Moderna), lì dove si sviluppa l’antico quartiere di San Lorenzo.

Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano, Via Monte di Dio 14, 80132 - Napoli, è stato fondato nel 1975 a Napoli da Enrico Cerulli, Elena Croce, Pietro Piovani, Giovanni Pugliese Carratelli e da Gerardo Marotta, che ne è anche il presidente, intorno alla biblioteca umanistica di oltre centomila volumi, messa insieme in un trentennio di pazienti ricerche di fondi librari in tutta Europa.

Civita
Civita ha ampliato nel corso degli anni i propri spazi di intervento operando sul territorio per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese. Oggi il Gruppo Civita è costituito da due diverse realtà, ognuna delle quali possiede una propria specializzazione e funzionalità operativa: l' Associazione Civita e Civita Servizi.

Fondazione Mondragone
La Fondazione Mondragone si trova a Napoli, in piazzetta Mondragone, in un complesso monumentale che comprende la Chiesa di Santa Maria delle Grazie. L'ente promuove l'innovazione nelle attività legate alla Moda. Ospita poi il Museo del Tessile e dell’Abbigliamento "Elena Aldobrandini" che testimonia con il suo patrimonio, la creatività, il gusto e l'antica tradizione che l'artigianato meridionale vanta in tale settore.

Palazzo Reale Napoli
Palazzo Reale di Napoli

Soprintendenza Archivistica per la Campania
Via San Biagio dei Librai, 39 - 80138 Napoli
Presidente Dott.ssa Maria Luisa Storchi

Comitato Civico di S.Maria di Portosalvo
Presidente: Avv. Antonio Pariante - Napoli, C.so Umberto I, 34

Associazione No Comment
L’associazione No Comment nasce a Napoli nel gennaio 1999, con l’intento di fare “memoria visiva” del quotidiano napoletano, dando visibilità ai bisogni dei soggetti disagiati e meno garantiti, promuovendo i valori della solidarietà, della legalità e del bene salute. La No Comment si adopera, nei limiti delle proprie disponibilità, per promuovere una informazione visiva no profit, richiamandosi alle indicazioni dell’articolo 21 della Costituzione Italiana e all’articolo 19 dei Diritti dell’uomo.