Giovedì 19 Marzo 2015 07:27

Vicaria.Un'educazione napoletana di Vladimiro Bottone, un affresco popolare della Napoli dell'Ottocento. Incontro al Pan

Dal tetro edificio della Vicaria, prigione e Tribunale della città dove ogni sabato si svolge l’estrazione del Regio Lotto, all’Albergo dei Poveri, quello che per i napoletani una volta era il Reclusorio o Serraglio e dalle cui squallide mura cerca di fuggire assieme al suo inconfessabile segreto il piccolo Antimo, un orfano senza storia. Nel suo cadavere “bello della tremenda bellezza degli offesi” abbandonati, catturati, ingoiati nelle viscere tufacee di una città, che acconciata come una provincia, ispanizzata e ispanizzante,  bella o brutta che fosse, era tornata con i Borbone di Spagna regno indipendente, s'imbatte il giovane commissario Giocchino Fiorilli, da poco entrato in servizio alla Vicaria, in una inchiesta che si trasformerà per lui in una ossessione, in una ricerca di verità. Che gli farà scoprire che la Giustizia degli uomini è troppo spesso cieca. Proprio come la Fortuna.

Esplode così con tutta la sua carica narrativa la Napoli noir di primo Ottocento, quando la miseria nei secoli bui è un dono aperto a tutti e il colpevole.. è sempre un numero al Lotto a cui una folla derelitta, che brulica negli infimi strati della vita sociale, affida, ogni sabato, quasi per un rito, il miracolo della ricchezza.

Sotto l’apparenza del giallo in costume o del neogotico che dir si voglia, in un equlibrio rischioso eppure finissimo di personaggi e vicende narrate, si presenta “Vicaria. Un’educazione napoletana” di Vladimiro Bottone ( Rizzoli, 2015), al centro di un incontro-dibattito che si tiene domani, venerdì 20 marzo, nella sala conferenze del Palazzo delle arti di Napoli ( ore 17, Via dei Mille 60), organizzato da Incontri Napoletani - lo storico sodalizio fondato da Tina Giordano Alario - in collaborazione con Linvea industria vernici e Giovanna Izzo restauri, per il V centenario della nascita di S. Teresa d’Avila, compatrona di Napoli (e patrona degli scrittori cattolici) e in occasione del restauro dell’effigie marmorea della santa spagnola presente nella omonima chiesa di Chiaia.

Assieme all’autore intervengono gli scrittori Giovanna Mozzillo e Maurizio Ponticello (vice presidente dell’associazione Napolinoir), il prof. arch. Massimo Rosi e la storica e critica d’arte Mimma Sardella. Modera la giornalista Carmela Maietta. Saluti introduttivi di Patrizia Giordano, presidente di Incontri Napoletanii.

Completano gli interventi le letture di Lucia Stefanelli Cervelli, regista, attrice, autrice di numerosi testi teatrali e le fotografie di Umberto T. Vocaturo che con virtuosi giochi di luce e, soprattutto, di ombre ci restituisce la Napoli tufacea, mollemente adagiata sulla sua povertà, sempre in cerca della Buona sorte, raccontata con sensibilità letteraria da Bottone. Complice anche le quinte fornite dall’(ex) Albergo dei Poveri, questo corposo ed incompiuto edificio tardo barocco, una delle grandi metafore della città del presente, che per le sue dimensioni, il suo impatto sulla fantasia popolare, era diventato alla metà dell'Ottocento  il paradigma delle condizioni di reclusione di poveri, orfani e pupilli.

Un incontro a più voci dunque, un omaggio all’esplosivo potenziale narrativo della Napoli del XIX secolo, vale a dire di una città-mondo come le coeve Parigi, Londra, Pietroburgo, che ruoterà non solo su “Vicaria”, sulla perfetta ambientazione storica, sull'abilità dell'autore di assimilare una serie caleidoscopica di suggestioni e spunti letterari ( Mastriani, Verga, Dickens, Hugo..), ma si estenderà anche ai suoi luoghi. A quegli edifici e monumenti cittadini come l'Albergo dei poveri - marginali, rispetto ai circuiti turistici standard, oltre che non funzionali o largamente sottoutilizzati - che aspettano solo di vedersi attrezzare come set dall’eccezionale carica suggestiva. 

<< Esistono in loco maestranze, sceneggiatori, attori, autori locali, di respiro nazionale, vere e proprie eccellenze, si pensi solo a Mario Martone e Antonietta De Lillo - dichiara Bottone, napoletano ma trapiantatosi da tempo a Torino -  che si sono già cimentati in opere di taglio storico e ambientazione napoletana. Le ricadute in termini economici-occupazionali, di valorizzazione e diversificazione dell’immagine cittadina, sono ovvie - aggiunge - bisogna solo capire se ci sono, oppure no, i presupposti di minima condivisione per sviluppare e amplificare certi temi >>.

 L’autore
Vladimiro Bottone, napoletano ma residente da diversi anni a Torino, collabora con quotidiani (Corriere del Mezzogiorno, Corriere della Sera) e periodici (L'Indice dei Libri del mese). I suoi libri precedenti sono stati pubblicati da Avagliano e Neri Pozza. 

 

(foto e cartoline d'epoca inserite sono state gentilmente concesse da Mariano Grieco) 

 

 

Galleria immagini

Links

Studio 147
Guida agli appuntamenti in citta', online tutte le informazioni utili.

SVILUPPO DONNEIMPRENDITRICI
Un network al femminile di donne professioniste, imprenditrici e aspiranti imprenditrici in tutti i campi che creano sinergie per crescere professionalmente.

NeveDonna 2011
L'evento dedicato alla Donna, un'occasione unica di Networking. Tre giornate di sinergie e benessere, di incontri e presentazioni, conferenze e laboratori con e a cura di Donne, Aziende, Imprese, Istituzioni, Club, Circoli, Associazioni, per mettersi in gioco, cogliere e generare opportunità personali, professionali e sociali.

Banco di Napoli
Il Banco di Napoli trae origine dai banchi pubblici dei luoghi pii sorti a Napoli tra il XVI e XVII secolo. Attualmente è una Società del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Istituto Banco di Napoli Fondazione
L'Istituto Banco di Napoli è una Fondazione che persegue fini di interesse sociale e di promozione dello sviluppo economico e culturale nelle regioni meridionali. Ha sede nel Palazzo Ricca, Via Tribunali 213 -Napoli.

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali fu istituito da Giovanni Spadolini, con il compito di affidare unitariamente alla specifica competenza di un Ministero appositamente costituito la gestione del patrimonio culturale e dell'ambiente al fine di assicurare l'organica tutela di interesse di estrema rilevanza sul piano interno e nazionale.

NarteA
NarteA è un’associazione culturale costituita da un gruppo di giovani uniti dalla passione per l’arte in tutte le sue forme ed espressioni ed ha come principale obiettivo la promozione, attraverso la divulgazione, del patrimonio storico e artistico della città di Napoli.

Associazione Amici degli Archivi Onlus
L’Associazione Amici degli Archivi Onlus è stata istituita con atto notarile nel 2000 ed ha come scopo la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano. L’Associazione è presieduta da Giulio Raimondi, già direttore del Grande Archivio di Napoli e Sovrintendente Archivistico per la Campania.

Giovanna Izzo Sampaolesi
Restauri e Conservazione, esecutrice lavori ripristino due Guglie Cavalli di Bronzo e Ciborio SS. Annunziata.

Il Cerchio
Rivista Il Cerchio di Napoli diretta da Giulio Rolando.

Lucio e Mariolina Mirra
Teatro Diana e Teatro delle Palme in Napoli.

Libreria Neapolis
di Annamaria Cirillo, Libreria Napoletana Via San Gregorio Armeno, 4 Napoli.

Al Blu di Prussia
L’idea e il progetto di restituire alla città un luogo d’arte, si deve alla caparbietà della famiglia Mannajuolo, in particolare di Giuseppe Mannajuolo, nipote di quel Guido che ha reso, dal dopoguerra in poi, il suo spazio espositivo un vero e proprio punto di riferimento della cultura figurativa napoletana. Via G.Filangieri 42 - 80121, Napoli.

Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E)
Il Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E), Via Settembrini 79 - 80139 Napoli, sorge nel cuore storico di Napoli, a pochi metri dal Duomo e dal Tesoro di San Gennaro, a cento metri dal Museo Archeologico Nazionale e dall’Accademia di Belle Arti (Galleria d’Arte Moderna), lì dove si sviluppa l’antico quartiere di San Lorenzo.

Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano, Via Monte di Dio 14, 80132 - Napoli, è stato fondato nel 1975 a Napoli da Enrico Cerulli, Elena Croce, Pietro Piovani, Giovanni Pugliese Carratelli e da Gerardo Marotta, che ne è anche il presidente, intorno alla biblioteca umanistica di oltre centomila volumi, messa insieme in un trentennio di pazienti ricerche di fondi librari in tutta Europa.

Civita
Civita ha ampliato nel corso degli anni i propri spazi di intervento operando sul territorio per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese. Oggi il Gruppo Civita è costituito da due diverse realtà, ognuna delle quali possiede una propria specializzazione e funzionalità operativa: l' Associazione Civita e Civita Servizi.

Fondazione Mondragone
La Fondazione Mondragone si trova a Napoli, in piazzetta Mondragone, in un complesso monumentale che comprende la Chiesa di Santa Maria delle Grazie. L'ente promuove l'innovazione nelle attività legate alla Moda. Ospita poi il Museo del Tessile e dell’Abbigliamento "Elena Aldobrandini" che testimonia con il suo patrimonio, la creatività, il gusto e l'antica tradizione che l'artigianato meridionale vanta in tale settore.

Palazzo Reale Napoli
Palazzo Reale di Napoli

Soprintendenza Archivistica per la Campania
Via San Biagio dei Librai, 39 - 80138 Napoli
Presidente Dott.ssa Maria Luisa Storchi

Comitato Civico di S.Maria di Portosalvo
Presidente: Avv. Antonio Pariante - Napoli, C.so Umberto I, 34

Associazione No Comment
L’associazione No Comment nasce a Napoli nel gennaio 1999, con l’intento di fare “memoria visiva” del quotidiano napoletano, dando visibilità ai bisogni dei soggetti disagiati e meno garantiti, promuovendo i valori della solidarietà, della legalità e del bene salute. La No Comment si adopera, nei limiti delle proprie disponibilità, per promuovere una informazione visiva no profit, richiamandosi alle indicazioni dell’articolo 21 della Costituzione Italiana e all’articolo 19 dei Diritti dell’uomo.