I Fantasmi di Nessuno

di Francesco D’Episcopo*

C’è nella cultura popolare napoletana una categoria del niente e del nessuno, che andrebbe ripercorsa. Per la prima, il romanzo “Il resto di niente” di Enzo Striano aiuta sontuosamente a scandire il segno ed il regno di un niente, avido e assoluto azzeratore del tutto. Per la seconda, le scelte potrebbero essere molte.
Si parte da “ Questi Fantasmi” di Eduardo De Filippo. Pasquale Lojacono, il protagonista della commedia, afferma con forza questa naturale verità del niente che consente di conquistare il tutto, in nome di una scenografia sentimentale, carica di paura e di confidenza, sino alla confessione estrema. “ I fantasmi - dichiarerà con forza Eduardo a commento di questo suo capolavoro teatrale - non esistono, i fantasmi siamo noi”, nel momento in cui siamo diventati strumenti di una società lacerata e perversa.


Alfonso Gatto, poeta e prosatore salernitano del secolo scorso, va invece oltre. In “ Le anime del Purgatorio, di Napoli N.N.”, egli suggerisce un’inchiesta sulle ragioni dei morti e dei vivi e del loro commisurarsi sul tema della sopravvivenza, nel rifiuto di un ricco inferno e nella confidenza di un povero purgatorio da inventare ogni giorno con la forza di una metafisica eroicamente esposta a sconfiggere le simulazioni del melodramma. “Vivere è una cosa seria - lo aveva sussurrato anche Pasquale Lojacono - e sopravvivere alla morte dentro il cerchio della vita, lo è ancora di più.
E’ quanto capita alle anime purganti che hanno sete di vita( divina), che avvicinano la vita e la morte, ripristinando e rinforzando una “ babele” burocratica” a Napoli assai cara, fatta di favori e di grazie, di devozione e richiesta di una pronta presenza sulla terra, anche e soprattutto attraverso il sogno.
Ci sono così tutti gli ingredienti di una metafisica del possibile, fondata sulla “norma”, sul “comportamento significativo”, come pienamente accade nella commedia di De Filippo, grazie ad una ciclica, naturale scarica di grottesco da parte dell’autore.
L’avvicinamento e azzeramento che le anime abbandonate provocano, in una sorta di purgatorio finalmente povero e uguale per tutti, è la consacrazione laica e pagana di una città senza nome, di una Napoli, appunto, N.N., e del suo abitatore più illustre, cioè Nessuno. Un Ulisse metropolitano, calato nelle viscere della terra, nei cimiteri ed ipogei che si celano sotto le chiese, ad invocare il mistero e l’evidenza, il segreto e la scoperta di un universo sotterraneo che riaffiora nella realtà del sogno e nella corposa simbolicità di una “ capa ‘e morte”.
Sentire tutti insieme o da soli, il niente, scoprirsi nessuno per poter attraversare con una pirandelliana patente di umiltà e unità il mondo delle ombre, guidati da un fantomatico Caronte, significa ricongiungersi con l’Averno, porta mitologica degli inferi, antro della Sibilla, al richiamo sulfureo di una città, sirena di se stessa, auto-incantatrice di terreno e di divino. Essere Nessuno comporta essere pronti a tutto nella trasformazione del corpo e della mente, nel compromesso tra calcolo e caso, tra fine della storia e suo nuovo principio.
Il tutto nel nome di un niente assoluto, assurdo, prolifico seme di situazioni legate alla forza della cronaca e disturbate, quasi demotivate, dalla fragilità della storia. Da queste situazioni, alle quali a ragione Francesco De Sanctis attribuiva estetiche funzioni, si riscrive la sceneggiatura delle anime, che provano a vivere oltre la morte presunta del corpo.
Il cerchio non si chiude, ma si riapre, sempre, dentro e oltre le mura, prima e dopo i sepolcri raccontati dai poeti, per imporre una presenza forte, nuova, da resuscitare come il Lazzaro evangelico, o da continuare semplicemente a far vivere come se il tumulo non fosse mai esistito. Lo stesso poeta Gatto, del resto, affermerà ne “ La sposa bambina”: “ Gatto è un nome povero, di qui e di tutti i paesi, un nome che si gode da vivo e rifiuta la sepoltura.”
Il “refrisco”, cioè il refrigerio che le anime invocano, sta forse in quel sorriso che ci scappa e ci fa sentire, più che amici, fratelli, congiunti da un unico sangue, da un unico sogno: sconfiggere una povertà più che materiale, morale, fatta di indifferenza e d’insofferenza. Napoli, città soccorritrice, che nella povertà può possedere tutto, che può persino rifare il mondo a propria immagine e somiglianza, in un impeto di genio, destinato come un fuoco a mare, a dissolversi nel luccichio di una sera, paga un ricorrente scotto alla gratuità estrema di una fantasia e di una passione che si bastano da sole.
Il Mito è ben più forte d’ogni ragione e nel mito della morte, il Napoletano arde insieme all’anima, destinata a lavare la sua vita d’ogni mancanza, sognando il fresco di una sosta, lo sfizio di uno spasso, per distrarsi dall’attenzione minacciosa di un presente fine a se stesso. L’oltranza è il confine di uno struscio perpetuo su un teschio brunito, di una preghiera ossessiva e perenne. Ciò che più sconforta, però, è l’immobilità alla quale costringono le fiamme, in una temperatura che non concede scampo. Il fuoco è tuttavia il segno tenace del nostro ardere in luoghi e ombelichi frementi di vita. Nulla potrà attenuare la virulenza del rosso e del nero in un universo immaginario, che rinvia alla ciclica prova di un fuoco, da scontare con il sogno dell’eterno.
Difficile è trattenere questa morte, che torna a farsi vita ogni volta, per un magico incontro. Persino la scrittura è talvolta inadatta a profanare la sacralità di un rito, che vìola i secoli, per configurarsi come una scommessa e una sfida, un gioco da provare a vincere con i numeri dettati dal destino.
Qualcuno si accorgerà di loro, di noi, del Nessuno, esuberante protagonista del niente, cui si appella per sconfiggere l’assenza, angelo custode nominato da se stesso oltre ogni gerarchia e inquisitoria veemenza di un potere, che odia e non ama, distrugge e non fa rinascere la speranza.
Noi e le anime del purgatorio vogliamo essere lasciati in pace e in guerra tra noi. In fondo Nessuno basta a se stesso e davvero non ha bisogno di nessuno: solo così potrà realizzarsi il suo anonimo sogno di onnipotenza su un mondo che rischia di dimenticare anche quel purgatorio di parole, fatto di canzoni e di serenate, di un gioco flebile di vento.

 


Tratto dal libro” Passaggio a Purgatorio ad Arco” ( versione italiano/inglese), a cura di Patrizia Giordano, Altrastampa edizioni, Napoli, maggio 2001

*docente di Letteratura e Filologia all’Università Federico II° di Napoli, noto critico letterario, cultore del buon vivere civile, è socio onorario di IN e membro del Comitato scientifico

Links

Studio 147
Guida agli appuntamenti in citta', online tutte le informazioni utili.

SVILUPPO DONNEIMPRENDITRICI
Un network al femminile di donne professioniste, imprenditrici e aspiranti imprenditrici in tutti i campi che creano sinergie per crescere professionalmente.

NeveDonna 2011
L'evento dedicato alla Donna, un'occasione unica di Networking. Tre giornate di sinergie e benessere, di incontri e presentazioni, conferenze e laboratori con e a cura di Donne, Aziende, Imprese, Istituzioni, Club, Circoli, Associazioni, per mettersi in gioco, cogliere e generare opportunità personali, professionali e sociali.

Banco di Napoli
Il Banco di Napoli trae origine dai banchi pubblici dei luoghi pii sorti a Napoli tra il XVI e XVII secolo. Attualmente è una Società del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Istituto Banco di Napoli Fondazione
L'Istituto Banco di Napoli è una Fondazione che persegue fini di interesse sociale e di promozione dello sviluppo economico e culturale nelle regioni meridionali. Ha sede nel Palazzo Ricca, Via Tribunali 213 -Napoli.

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali fu istituito da Giovanni Spadolini, con il compito di affidare unitariamente alla specifica competenza di un Ministero appositamente costituito la gestione del patrimonio culturale e dell'ambiente al fine di assicurare l'organica tutela di interesse di estrema rilevanza sul piano interno e nazionale.

NarteA
NarteA è un’associazione culturale costituita da un gruppo di giovani uniti dalla passione per l’arte in tutte le sue forme ed espressioni ed ha come principale obiettivo la promozione, attraverso la divulgazione, del patrimonio storico e artistico della città di Napoli.

Associazione Amici degli Archivi Onlus
L’Associazione Amici degli Archivi Onlus è stata istituita con atto notarile nel 2000 ed ha come scopo la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano. L’Associazione è presieduta da Giulio Raimondi, già direttore del Grande Archivio di Napoli e Sovrintendente Archivistico per la Campania.

Giovanna Izzo Sampaolesi
Restauri e Conservazione, esecutrice lavori ripristino due Guglie Cavalli di Bronzo e Ciborio SS. Annunziata.

Il Cerchio
Rivista Il Cerchio di Napoli diretta da Giulio Rolando.

Lucio e Mariolina Mirra
Teatro Diana e Teatro delle Palme in Napoli.

Libreria Neapolis
di Annamaria Cirillo, Libreria Napoletana Via San Gregorio Armeno, 4 Napoli.

Al Blu di Prussia
L’idea e il progetto di restituire alla città un luogo d’arte, si deve alla caparbietà della famiglia Mannajuolo, in particolare di Giuseppe Mannajuolo, nipote di quel Guido che ha reso, dal dopoguerra in poi, il suo spazio espositivo un vero e proprio punto di riferimento della cultura figurativa napoletana. Via G.Filangieri 42 - 80121, Napoli.

Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E)
Il Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E), Via Settembrini 79 - 80139 Napoli, sorge nel cuore storico di Napoli, a pochi metri dal Duomo e dal Tesoro di San Gennaro, a cento metri dal Museo Archeologico Nazionale e dall’Accademia di Belle Arti (Galleria d’Arte Moderna), lì dove si sviluppa l’antico quartiere di San Lorenzo.

Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano, Via Monte di Dio 14, 80132 - Napoli, è stato fondato nel 1975 a Napoli da Enrico Cerulli, Elena Croce, Pietro Piovani, Giovanni Pugliese Carratelli e da Gerardo Marotta, che ne è anche il presidente, intorno alla biblioteca umanistica di oltre centomila volumi, messa insieme in un trentennio di pazienti ricerche di fondi librari in tutta Europa.

Civita
Civita ha ampliato nel corso degli anni i propri spazi di intervento operando sul territorio per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese. Oggi il Gruppo Civita è costituito da due diverse realtà, ognuna delle quali possiede una propria specializzazione e funzionalità operativa: l' Associazione Civita e Civita Servizi.

Fondazione Mondragone
La Fondazione Mondragone si trova a Napoli, in piazzetta Mondragone, in un complesso monumentale che comprende la Chiesa di Santa Maria delle Grazie. L'ente promuove l'innovazione nelle attività legate alla Moda. Ospita poi il Museo del Tessile e dell’Abbigliamento "Elena Aldobrandini" che testimonia con il suo patrimonio, la creatività, il gusto e l'antica tradizione che l'artigianato meridionale vanta in tale settore.

Palazzo Reale Napoli
Palazzo Reale di Napoli

Soprintendenza Archivistica per la Campania
Via San Biagio dei Librai, 39 - 80138 Napoli
Presidente Dott.ssa Maria Luisa Storchi

Comitato Civico di S.Maria di Portosalvo
Presidente: Avv. Antonio Pariante - Napoli, C.so Umberto I, 34

Associazione No Comment
L’associazione No Comment nasce a Napoli nel gennaio 1999, con l’intento di fare “memoria visiva” del quotidiano napoletano, dando visibilità ai bisogni dei soggetti disagiati e meno garantiti, promuovendo i valori della solidarietà, della legalità e del bene salute. La No Comment si adopera, nei limiti delle proprie disponibilità, per promuovere una informazione visiva no profit, richiamandosi alle indicazioni dell’articolo 21 della Costituzione Italiana e all’articolo 19 dei Diritti dell’uomo.