La Ruota degli Esposti in Europa nel XVIII e XIX secolo

di Patrizia Giordano*

I bambini sono sempre stati numeri, lo sono oggi nell'era del computer e del villaggio globale, lo erano ieri in un'Europa spazzata e martoriata dalla miseria, dalla carestia, traversata dai forti movimenti migratori causati dallo smembramento degli antichi Stati alla metà del XVIII secolo. Bimbi 'senza odore' li ha definiti Patrick Suskind nel suo libro 'Das Parfum', la cui condizione era eterea, leggiadra, maleddettamente metafisica a causa appunto della mancanza di odore.
Nel Settecento Parigi contava già diecimila trovatelli ogni anno, raccolti nella Casa del borgo di San Lorenzo, voluta da San Vincenzo de' Paoli e dalle Figlie della Carità, oppure erano inviati nel Gran Brefotrofio della vicina Rouen, in Normandia.

Un decreto del 1793 aveva imposto che fossero chiamati 'orfanelli o figli della patria' allo scopo di risollevarne le tristi condizioni.
Nel 1789 erano qurantamila in tutta la Francia, nel 1810 già ottantamila: il governo dovette quindi correre ai ripari e stabilì che in ogni circondario vi fosse un ospizio destinato a riceverli con l'uso di una 'Ruota'. Inseriva le spese delle nutrici e delle pensioni fra le spese pubbliche, concedeva ai parenti il diritto di ritirare i loro figli a condizione però di pagare, essendone in grado, quanto da loro causato e puniva severeamente chi faceva 'abitualmente trasporto di fanciulli esposti agli ospizi'.
Ma nonostante questa ferrea legge, ci fu un aumento notevole degli abbandoni con un indice di mortalità pari all'80 per cento; tant'è che Thomas Malthus, l'economista anglicano noto per le sue teorie blasfeme sui problemi sociali, disse all'epoca che per ' arrestare il movimento progressivo delle popolazioni ed eliminare gli individui non necessari alla società, nulla di meglio avrebbesi potuto fare che raddoppiare le case degli esposti' e Dellessert voleva che poi sulla porta di questi istituti fosse scritto ' qui si fanno morire gli infanti a spese del pubblico denaro'.
Fu nel 1834 che in Francia si iniziarono a chiudere le ruote, sostituendole con una serie di ospizi detti 'depositi' e si abolirono in via definitiva nel 1853; l'accettazione dei bambini avveniva, come accadde in seguito nel brefotrofio dell'Annunziata a Napoli, tramite 'gli uffici di consegna' e i funzionari potevano fare, a scopo amministrativo ed in rigoroso segreto, indagini sulle madri per stabilire domicilio, stato civile e condizioni economiche.
Era vietata invece la ricerca sulla paternità.
Dal 1875 con la legge Roussel tutti i bambini al di sotto di due anni affidati alle nutrici 'mercenarie', erano sottoposti alla tutela di speciali commissioni locali di vigilanza e sempre per aiutare la maternità indigente, si crearono i 'creches', gli antesignani dei nostri asili-nido. A Londra, il ministro Addison proponeva nel 1713 la fondazione di un 'asilo' che ospitasse i trovatelli sempre più numerosi nei quartieri poveri e malfamati di Londra; solamente venti anni dopo ci riuscì Tommaso Coram, il quale, con l'aiuto di scrittori ed artisti del tempo, ebbe alla fine il suo 'asilo', noto sopratutto per le splendide pitture che ne decoravano le sale.L'istituto poteva contenere solo 400 trovatelli, che divennero mille alla metà del Settecento, seimila pochi anni dopo. Allora il Parlamento inglese, notevolmente spaventato da questi numeri e risultati, intervenne stabilendo che il mantenimento degli indigenti spettasse alle parrocchie.
Non si conosceva in Inghilterra il sistema della ruota nè tanto meno l'ammissione di ufficio e, prima di accettare un esposto, la parrocchia faceva ricerche per scoprire i genitori; trovata la madre, ' se maritata, le si rimandava il figlio, se nubile doveva dichiarare il complice del suo fallo'. Dal 1872 venne ammessa la ricerca della paternità.
A Madrid, in Spagna, c'era la 'rueda de los pobres': un decreto di Carlo III nel 1794 ordinava che tutti i trovatelli senza padre fossero considerati legittimi e ammessi agli uffici pubblici ; erano puniti severamente quelli che li chiamavano 'bastardos' cioè i figli della colpa. Ogni capoluogo di provincia, come in Italia, doveva avere asili per fanciulli bisognosi, le ammissioni erano fatte tramite la ruota. Ogni bambino era trascritto in un registro-matricole e veniva affidato a nutrici interne o balie di campagna. Anche in Spagna, la Casa reale dei Borbone accentrava nelle sue mani la vigilanza e la tutela dei luoghi pii destinati all'infanzia.
L'Ospizio dei trovatelli di Madrid teneva in allevamento comune i bimbi di entrambi i sessi sino ai sette anni, poi li divideva e li inviava nel Collegio dei Rejetti per i maschi e l'Ospizio della Pace per le femmine. Sull'esempio e sull'immagine di Madrid, Carlo III prima e poi suo figlio Ferdinando IV, disposero alla fine del Settecento a Napoli l'ordinamento dell'Albergo dei POveri e dell'istituto dell'Annunziata. In effetti la Spagna assieme all'Italia e alla Grecia, era l'unica nazione in cui non fossero state ancora aboliote le ruote nell'ultimo ventennio dell'Ottocento ed una delle poche al pari dell'Italia che non avesse una legge organica sul servizio degli esposti. A Vienna c'era il grande istituto fondato da Giuseppe I d'Asburgo nel 1784. Vi erano ammessi i bimbi a pagamento, l'ammissione gratuita si verificava solo per i neonati trovati per la strada o figli di genitori poveri o quando le madri accettavano di fare da nutrici per quattro mesi nell'ospizio che manteneva i fanciulli sino ai sei anni poi li restituiva. Era ammessa la ricerca della paternità e, quando non si potevano rintracciare i genitori, i piccoli venivano ricoverati in istituti che risultavano ' una via di mezzo fra brefotrofio ed orfanatrofio'.
In Portogallo, la città di Lisbona provvedeva ai suoi trovatelli attraverso la Ruota della Misericordia, un istituto sovvenzionato dallo Stato e controllato dai suoi ispettori. Per un certo periodo non rientrò nel decreto del 1867, con il quale si erano abolite le ruote presenti in tutte le altre province portoghesi.
Anche a Bruxelles, in Belgio, vigeva il sistema delle ruote, soppresse a partire dal 1847: l'ultima, quella di Anversa, fu chiusa nel 1860. Lo stato ed il comune nel quale era stato trovato il bambino ' esposto' cioè abbandonato, si dividevano le spese di mantenimento ed assistenza ai trovatelli. Ad Amsterdam invece, in Olanda, chi trovava un neonato, era obbligato a farne la dichiarazione all'ufficio dello Stato Civile del luogo di ritrovamento, indicare e mostrare vestiti o qualsiasi opggetto trovato con il bambino, descrivere dettagliatamente tutte le circostanze: l'ora, il giorno, il luogo e via dicendo. Di tutto ciò si faceva un verbale scritto in cui si annotava anche il nome dato al trovatello, quello dell'ospizio dove era inviato oppure della persona alla quale era affidato. Questo per favorire gli eventuali riconoscimenti da parte di uno o entrambi i genitori. A Zurigo e nei cantoni protestanti della Svizzera, generalmente gli illegittimi stavano con la madre, la quale era obbligata a riconoscerli e aveva facoltà di chiedere un contributo dal padre per il mantenimento del figlio.
In Germania tranne che nelle province della Renania, era ammessa la ricerca della paternità e la madre del figlio naturale doveva obbligatoriamente dare il suo nome al nascituro. Non si conosceva la Ruota e non esistevano brefotrofi. Il mantenimento dei bimbi illegittimi era a carico della madre o del padre oppure di qualche parente più prossimo. Se i genitori erano veramente poveri, le spese del trovatello gravavano su confraternite o particolari opere di assistenza.
Oltreoceano, in Canada, gli istituti di accoglienza per i bambini, si chiamavano, come tuttora, 'nursery': la mamma andava a deporre il suo bambino e dava all'impiegato di turno, tutti i 'ragguagli necessari che in seguito le avrebbero permesso di ritirarlo'. Non si conosceva chiaramente il sistema delle ruote, tipicamente europeo, ma c'erano tuttavia istituti capaci di mantenere quel rapporto necessario, vitale tra madre naturale e figlio anche quando le condizioni sociali ed economiche non lo consentivano.
In poche parole si adottò meno zelo religioso, quanto piuttosto un'assistenza intesa come 'dovere sociale, perchè, se vogliamo usare le parole di De Crescenzio - governatore e riformatore della Santa Casa dell'Annunziata di Napoli nel 1875 - 'i brefotrofi non erano affatto un gran bene per la società, bensì un'opera di carità malintesa che attraverso il sistema dei torni ( cupe e perfide macchinette lignee) assicurava, per causa del segreto con cui si circondava, l'impunità agli autori dell'esposizione abituale e di quello dei legittimi' perpetuando così un 'ceto di uomini e donne senza nome nè patria'.
Difatti nei paesi in cui era stata abolita sin dall'inizio la Ruota o non era mai stata adottata come sistema di accettazione, si tentava di responsabilizzare la donna nei confronti della sua maternità non desiderata, a non emarginarla, aiutandola anche economicamente nel suo percorso di riabilitazione morale. Mentre al bambino si offrivano tutti gli elementi per acquisire uno stato sociale e giuridico - ad esempio attraverso la ricerca della paternità - che attenuasse il suo disagio iniziale e ne favorisse il suo inserimento nella società.
Il risultato fu che la percentuale dei bambini abbandonati in questi paesi era di un esposto su 1500-1800 abitanti.
In Italia, dove la questione dell'infanzia abbandonata venne più a lungo dibattuta, sin oltre i primi del secolo scorso, il rapporto era di uno su cinquecento abitanti. Un esercito di bimbi senza nome ed odore.

 

*L'argomento è tratto dal libro "La Rota degli Esposti" a cura di Patrizia Giordano,Altrastampa edizioni, III ristampa Napoli 2004 - Foto Archivio storico dell'Annunziata, Via Annunziata n.15 - Napoli

Galleria immagini

Links

Studio 147
Guida agli appuntamenti in citta', online tutte le informazioni utili.

SVILUPPO DONNEIMPRENDITRICI
Un network al femminile di donne professioniste, imprenditrici e aspiranti imprenditrici in tutti i campi che creano sinergie per crescere professionalmente.

NeveDonna 2011
L'evento dedicato alla Donna, un'occasione unica di Networking. Tre giornate di sinergie e benessere, di incontri e presentazioni, conferenze e laboratori con e a cura di Donne, Aziende, Imprese, Istituzioni, Club, Circoli, Associazioni, per mettersi in gioco, cogliere e generare opportunità personali, professionali e sociali.

Banco di Napoli
Il Banco di Napoli trae origine dai banchi pubblici dei luoghi pii sorti a Napoli tra il XVI e XVII secolo. Attualmente è una Società del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Istituto Banco di Napoli Fondazione
L'Istituto Banco di Napoli è una Fondazione che persegue fini di interesse sociale e di promozione dello sviluppo economico e culturale nelle regioni meridionali. Ha sede nel Palazzo Ricca, Via Tribunali 213 -Napoli.

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali fu istituito da Giovanni Spadolini, con il compito di affidare unitariamente alla specifica competenza di un Ministero appositamente costituito la gestione del patrimonio culturale e dell'ambiente al fine di assicurare l'organica tutela di interesse di estrema rilevanza sul piano interno e nazionale.

NarteA
NarteA è un’associazione culturale costituita da un gruppo di giovani uniti dalla passione per l’arte in tutte le sue forme ed espressioni ed ha come principale obiettivo la promozione, attraverso la divulgazione, del patrimonio storico e artistico della città di Napoli.

Associazione Amici degli Archivi Onlus
L’Associazione Amici degli Archivi Onlus è stata istituita con atto notarile nel 2000 ed ha come scopo la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano. L’Associazione è presieduta da Giulio Raimondi, già direttore del Grande Archivio di Napoli e Sovrintendente Archivistico per la Campania.

Giovanna Izzo Sampaolesi
Restauri e Conservazione, esecutrice lavori ripristino due Guglie Cavalli di Bronzo e Ciborio SS. Annunziata.

Il Cerchio
Rivista Il Cerchio di Napoli diretta da Giulio Rolando.

Lucio e Mariolina Mirra
Teatro Diana e Teatro delle Palme in Napoli.

Libreria Neapolis
di Annamaria Cirillo, Libreria Napoletana Via San Gregorio Armeno, 4 Napoli.

Al Blu di Prussia
L’idea e il progetto di restituire alla città un luogo d’arte, si deve alla caparbietà della famiglia Mannajuolo, in particolare di Giuseppe Mannajuolo, nipote di quel Guido che ha reso, dal dopoguerra in poi, il suo spazio espositivo un vero e proprio punto di riferimento della cultura figurativa napoletana. Via G.Filangieri 42 - 80121, Napoli.

Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E)
Il Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E), Via Settembrini 79 - 80139 Napoli, sorge nel cuore storico di Napoli, a pochi metri dal Duomo e dal Tesoro di San Gennaro, a cento metri dal Museo Archeologico Nazionale e dall’Accademia di Belle Arti (Galleria d’Arte Moderna), lì dove si sviluppa l’antico quartiere di San Lorenzo.

Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano, Via Monte di Dio 14, 80132 - Napoli, è stato fondato nel 1975 a Napoli da Enrico Cerulli, Elena Croce, Pietro Piovani, Giovanni Pugliese Carratelli e da Gerardo Marotta, che ne è anche il presidente, intorno alla biblioteca umanistica di oltre centomila volumi, messa insieme in un trentennio di pazienti ricerche di fondi librari in tutta Europa.

Civita
Civita ha ampliato nel corso degli anni i propri spazi di intervento operando sul territorio per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese. Oggi il Gruppo Civita è costituito da due diverse realtà, ognuna delle quali possiede una propria specializzazione e funzionalità operativa: l' Associazione Civita e Civita Servizi.

Fondazione Mondragone
La Fondazione Mondragone si trova a Napoli, in piazzetta Mondragone, in un complesso monumentale che comprende la Chiesa di Santa Maria delle Grazie. L'ente promuove l'innovazione nelle attività legate alla Moda. Ospita poi il Museo del Tessile e dell’Abbigliamento "Elena Aldobrandini" che testimonia con il suo patrimonio, la creatività, il gusto e l'antica tradizione che l'artigianato meridionale vanta in tale settore.

Palazzo Reale Napoli
Palazzo Reale di Napoli

Soprintendenza Archivistica per la Campania
Via San Biagio dei Librai, 39 - 80138 Napoli
Presidente Dott.ssa Maria Luisa Storchi

Comitato Civico di S.Maria di Portosalvo
Presidente: Avv. Antonio Pariante - Napoli, C.so Umberto I, 34

Associazione No Comment
L’associazione No Comment nasce a Napoli nel gennaio 1999, con l’intento di fare “memoria visiva” del quotidiano napoletano, dando visibilità ai bisogni dei soggetti disagiati e meno garantiti, promuovendo i valori della solidarietà, della legalità e del bene salute. La No Comment si adopera, nei limiti delle proprie disponibilità, per promuovere una informazione visiva no profit, richiamandosi alle indicazioni dell’articolo 21 della Costituzione Italiana e all’articolo 19 dei Diritti dell’uomo.