I Paramenti sacri in mostra nel Museo dell'Opera di Purgatorio ad Arco in Via Tribunali

di Padre Giovanni Mancino*

Vasto, unico e prezioso il patrimonio liturgico presente nel Museo dell'Opera Pia Purgatorio ad Arco, lungo la Via dei Tribunali, un patrimonio inestimabile composto da un insieme di parati, addobbi per ornare il pio luogo e paramenti indossati dal clero durante le funzioni religiose, realizzati su telai al tiro, con un lungo e sapiente lavoro manuale di intreccio di fili di seta policroma e ricami in oro e argento riccio e ritorto, opera di artigiani napoletani considerati da sempre veri maestri nell'agopittura.

Frutto in gran parte di donazioni da parte dei fedeli della Congrega di S. Maria delle Anime di Purgatrio ad Arco, sorta nei primi del Seicento, in piena Controriforma, per suffragare con messe e suffragi le anime dei defunti, sono stati custoditi per anni negli armadi della 'Camera Sancta' ossia la sacrestia, con tutta la cura e l'attenzione che si deve a questi tipi di reperti ' carichi di significati culturali, sacralizzati dall'uso'.
Parte di questi preziosi esemplari sono stati restaurati grazie ad Incontri Napoletani nel 1997-'98 ed oggi sono esposti in vetrine, negli ambienti del Museo dell'Opera, allestito non solo nella sacrestia ma anche nel contiguo oratorio dell'Immacolata Concezione.
L'impiego dei preziosi materiali per realizzarli si è imposto nei secoli, nonostante la promulgazione di leggi per frenarne l'uso esasperato ed il conseguente eccessivo dispendio di denaro. Già nel 813 severe regole erano state espresse nel Concilio di Magonza per proibire agli officianti di indossare durante le celebrazioni liturgiche abiti usati abitualmente, troppo aderenti e vistosi, imponendo invece di indossare la semplice stola.
In origine, l'abbigliamento utilizzato dai sacri ministri era molto povero e privo di ornamento, consisteva di una tunica talare, tipica veste del pellegrino, in tessuto ruvido, in grado di resistere a mesi di uso ed intemperie, legata ai fianchi con il 'cingolo', un fazzoletto di lino bianco con due nastri da annodare sotto il mento che il celebrante poneva sul capo e le spalle prima del camice, adatto anche a proteggersi dal sudore.
Poi c'era la 'dalmatica': giunta a Roma nel II secolo dalla Dalmazia, era una tunica bianca di lana o lino con solo due strisce verticali, in origine la sopravveste dei diaconi. Seguiva la 'planeta' o 'casula', discendente dell'antica 'paenula', una sorta di mantello che avvolgeva tutto il corpo. Era il vestiario della povera gente che dal IV secolo d.C. aveva preso il posto della toga romana.
E' solo nel Medioevo che s'inizia a ornarlo di guarnizioni e strisce richiamando il simbolo cristiano della croce. Fu detto per questo 'stile gotico'.
Al corredo dei sacri ministri, si aggiunge infine il 'pluviale' o piviale, un'ampia cappa con cappuccio, che serviva anche per ripararsi dalla pioggia, allacciata sul davanti tramite una fibula detta 'pectorale', già usata nell'VIII secolo dai monaci di S.Cluny ( i cluniacensi). Ben presto diventa un prezioso mantello semicircolare che scende sino a terra con un particolare scudo alle spalle, a ricordo dei vecchi cappucci.
Il pontefice lo assumerà quale indumento sacro per mettere in risalto il ruolo di supremazia di sovrano temporale, usandolo esclusivamente in solenni celebrazioni, come l'incoronazione degli imperatori.
Dopo l'XI secolo si trasforma in paramento di lusso con preziosi e rari damaschi e tessuti di pura seta ricamati a mano con fili d'oro, d'argento e pietre preziose, arricchito di simboli biblici riconducenti alla vita, alla morte e alla resurezzione di Gesù Cristo.
Nuove regole cui devono uniformarsi i sacerdoti, verranno poi promulgate dal Concilio di Trento( 1545- 1563) nel tentativo anche di ripristinare, in contrasto, i decadenti costumi ecclesiastici dell'epoca.
Tali vincoli resteranno validi sino alla riforma sancita con il Concilio Vaticano II ( 1959-1965) e le successive disposizioni liturgiche degli ultimi anni.
La finalità di queste prescrizioni era quella sopratutto di uniformare lo svolgersi dei riti celebrativi, codificare la simbologia, e quindi anche l'uso degli arredi secondo il rituale prescritto.
I paramenti sacri divennero così l'elemento primario che contraddistingue le varie funzioni del calendario liturgico, collegato agli avvenimenti della vita di Cristo, dunque: l'Annunciazione, il Natale, l'Epifania, la Quaresima, la Pasqua, la Pentecoste.
Così il bianco sarà il colore simbolo nelle feste del Signore e della Madonna, dei santi e degli angeli ed anche per la cerimonia del battesimo ed il rito nunziale.
Il rosso per lo Spirito santo, gli apostoli ed i martiri, ma anche nella Epifania e nella Pentecoste. Il viola per la benedizione delle Palme e delle Ceneri. Il nero per le funzioni dei defunti e del Venerdì Santo.
A partire dal Seicento molte delle vesti si ammodernano secondo il gusto del tempo, come le 'casule', chiamate oggi 'pianete', che prendono la forma attuale: si aprono ai lati, si arricchiscono di ricami, diventano l'indumento simbolo del sacerdozio; sono di tutti i colori richiesti dalle liturgie dove prevalgono quelle nere, necessarie per i riti funebri.
Alla medesima ricchezza di stoffe, tessuti, ricami e stile, si unisce la ' dalmatica', accorciata e aperta ai lati, usata dai diaconi nelle funzioni più solenni.
Quanto alle vesti liturgiche indossate nella chiesa di S. Maria di Purgatorio ad Arco a Napoli e gli innumerevoli addobbi che ne arredavano il luogo - cioè i palii, gli arazzi, le coltrine, i paliotti - essi si collegano coreograficamente alla solennità di avvenimenti come la terza domenica dell'Avvento e la quarta di Quaresima.
Notevole è la presenza nel luogo di parati del XVIII e XIX secolo, realizzati con filati in seta e preziosi fili metallici, in argento e oro, con anima di seta.
Severo e lussuoso quello in faglia nera, della fine del Settecento, destinato alle celebrazioni funebri,composto da un ricco insieme di pianete, stole, manipoli e piviali, lavorati ( come si vede in foto) con la tecnica ad ago a fili distesi con piattine d'argento riccio e ritorto, che creano con la loro diversa lucentezza, particolari effetti chiaroscurali.
Tutta la collezione è ricca inoltre di preziosi piviali, in particolare un piviale della seconda metà del Settecento, di manifattura napoletana, in moire avorio, deorato con ricami realizzati in fili dorati e sete policrome. E poi un altro, molto originale, forse unico, datato 1750-1755, un piviale in damasco broccato, dall'eccentrico colore rosa-lilla sfumato, con trame supplementari nei colori avorio, giallo, azzurro, celeste, decorato con un reticolato di piccoli fiori che ricordano nel disegno le composizioni ideate da Anna Maria Garthwaite nel 1749( 'Silk designs of the Eighteenth Century' di N. Rothstein, London), secondo l'esperta Nicoletta D'Arbitrio, docente di restauro tessile presso l'Accademia di Belle arti di Napoli e che ha curato per conto di Incontri Napoletani il ripristino degli esemplari nella chiesa di Purgatorio ad Arco.
La rarità del manufatto è data sopratutto dal colore di fondo che lo rende utilizzabile solo con una speciale autorizzazione ecclesiastica ed in poche occasioni liturgiche, festive e di gioia, come nei giorni delle Quarantore e della Santissima Annunziata, celebrata solennemente a Napoli il 25 marzo, quando i fedeli della chiesa di Purgatorio ad Arco potevano godere di indulgenza plenaria.
Questo raro patrimonio liturgico è completato alla fine da una vasta collezione di tovaglie d'altare e camici bianchi, che erano in origine proprio le antiche tuniche talari; il clero infatti scelse due tipi di camici: uno bianco, riservato all'uso liturgico, e uno nero, riservato all'uso quotidiano.
In epoca barocca, la veste si trasforma, viene allargata e arricchita di pieghe lunghe e larghe, di maniche abbondanti con guarnizioni ricamate a mano e pizzi lavorati ad ago e a fuselli. Un tipico simbolo dell'antica liturgia che significa che i sacerdoti devono avere ' maniche larghe' nel fare opere buone ed assistere i propri fedeli.
Se invece si tratta di alti dignitari, come vescovi o cardinali, le maniche strette dei loro 'rocchetti'( una veste bianca e stretta) indicano che devono essere ancora più liberi per fare del bene al prossimo.


* dell'Istituto Denza dei PP.Barnabiti di Napoli
L'argomento è tratto dal libro ' Passaggio a Purgatorio ad Arco', a cura di Patrizia Giordano, Altrastampa edizioni, Napoli, maggio 2001

 

Galleria immagini

Links

Studio 147
Guida agli appuntamenti in citta', online tutte le informazioni utili.

SVILUPPO DONNEIMPRENDITRICI
Un network al femminile di donne professioniste, imprenditrici e aspiranti imprenditrici in tutti i campi che creano sinergie per crescere professionalmente.

NeveDonna 2011
L'evento dedicato alla Donna, un'occasione unica di Networking. Tre giornate di sinergie e benessere, di incontri e presentazioni, conferenze e laboratori con e a cura di Donne, Aziende, Imprese, Istituzioni, Club, Circoli, Associazioni, per mettersi in gioco, cogliere e generare opportunità personali, professionali e sociali.

Banco di Napoli
Il Banco di Napoli trae origine dai banchi pubblici dei luoghi pii sorti a Napoli tra il XVI e XVII secolo. Attualmente è una Società del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Istituto Banco di Napoli Fondazione
L'Istituto Banco di Napoli è una Fondazione che persegue fini di interesse sociale e di promozione dello sviluppo economico e culturale nelle regioni meridionali. Ha sede nel Palazzo Ricca, Via Tribunali 213 -Napoli.

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali fu istituito da Giovanni Spadolini, con il compito di affidare unitariamente alla specifica competenza di un Ministero appositamente costituito la gestione del patrimonio culturale e dell'ambiente al fine di assicurare l'organica tutela di interesse di estrema rilevanza sul piano interno e nazionale.

NarteA
NarteA è un’associazione culturale costituita da un gruppo di giovani uniti dalla passione per l’arte in tutte le sue forme ed espressioni ed ha come principale obiettivo la promozione, attraverso la divulgazione, del patrimonio storico e artistico della città di Napoli.

Associazione Amici degli Archivi Onlus
L’Associazione Amici degli Archivi Onlus è stata istituita con atto notarile nel 2000 ed ha come scopo la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano. L’Associazione è presieduta da Giulio Raimondi, già direttore del Grande Archivio di Napoli e Sovrintendente Archivistico per la Campania.

Giovanna Izzo Sampaolesi
Restauri e Conservazione, esecutrice lavori ripristino due Guglie Cavalli di Bronzo e Ciborio SS. Annunziata.

Il Cerchio
Rivista Il Cerchio di Napoli diretta da Giulio Rolando.

Lucio e Mariolina Mirra
Teatro Diana e Teatro delle Palme in Napoli.

Libreria Neapolis
di Annamaria Cirillo, Libreria Napoletana Via San Gregorio Armeno, 4 Napoli.

Al Blu di Prussia
L’idea e il progetto di restituire alla città un luogo d’arte, si deve alla caparbietà della famiglia Mannajuolo, in particolare di Giuseppe Mannajuolo, nipote di quel Guido che ha reso, dal dopoguerra in poi, il suo spazio espositivo un vero e proprio punto di riferimento della cultura figurativa napoletana. Via G.Filangieri 42 - 80121, Napoli.

Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E)
Il Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E), Via Settembrini 79 - 80139 Napoli, sorge nel cuore storico di Napoli, a pochi metri dal Duomo e dal Tesoro di San Gennaro, a cento metri dal Museo Archeologico Nazionale e dall’Accademia di Belle Arti (Galleria d’Arte Moderna), lì dove si sviluppa l’antico quartiere di San Lorenzo.

Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano, Via Monte di Dio 14, 80132 - Napoli, è stato fondato nel 1975 a Napoli da Enrico Cerulli, Elena Croce, Pietro Piovani, Giovanni Pugliese Carratelli e da Gerardo Marotta, che ne è anche il presidente, intorno alla biblioteca umanistica di oltre centomila volumi, messa insieme in un trentennio di pazienti ricerche di fondi librari in tutta Europa.

Civita
Civita ha ampliato nel corso degli anni i propri spazi di intervento operando sul territorio per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese. Oggi il Gruppo Civita è costituito da due diverse realtà, ognuna delle quali possiede una propria specializzazione e funzionalità operativa: l' Associazione Civita e Civita Servizi.

Fondazione Mondragone
La Fondazione Mondragone si trova a Napoli, in piazzetta Mondragone, in un complesso monumentale che comprende la Chiesa di Santa Maria delle Grazie. L'ente promuove l'innovazione nelle attività legate alla Moda. Ospita poi il Museo del Tessile e dell’Abbigliamento "Elena Aldobrandini" che testimonia con il suo patrimonio, la creatività, il gusto e l'antica tradizione che l'artigianato meridionale vanta in tale settore.

Palazzo Reale Napoli
Palazzo Reale di Napoli

Soprintendenza Archivistica per la Campania
Via San Biagio dei Librai, 39 - 80138 Napoli
Presidente Dott.ssa Maria Luisa Storchi

Comitato Civico di S.Maria di Portosalvo
Presidente: Avv. Antonio Pariante - Napoli, C.so Umberto I, 34

Associazione No Comment
L’associazione No Comment nasce a Napoli nel gennaio 1999, con l’intento di fare “memoria visiva” del quotidiano napoletano, dando visibilità ai bisogni dei soggetti disagiati e meno garantiti, promuovendo i valori della solidarietà, della legalità e del bene salute. La No Comment si adopera, nei limiti delle proprie disponibilità, per promuovere una informazione visiva no profit, richiamandosi alle indicazioni dell’articolo 21 della Costituzione Italiana e all’articolo 19 dei Diritti dell’uomo.