Scugnizzi poveri e vergognosi: da Viviani a Gemito, i figli dell'abbandono

di Patrizia Giordano

Tanti ne ha avuti Napoli che l’arte, la letteratura, il teatro e la musica, non potevano sottrarsi al fascino furbo e miserevole di questo mondo. Il cui emblema, secondo molti, sta racchiuso tutto nel teatro di Raffaele Viviani, attore e personaggio di uno scugnizzo, né folcloristico né pietoso, ma dai tratti duri e scavati di chi conosce veramente la fame. E Viviani la patì per davvero dopo la morte prematura del padre. Il suo teatro è la più viva e cruda rappresentazione scenica, di inizio secolo, dei bassifondi della città, della gente del Pendino, del Mercato, di Porta Nolana, di Forcella. Un ventre pieno in cui il confine tra malavita, povertà e immaginario appare sempre incerto.

Appena giovinetto recita in quelle baracche di Zeza, i palcoscenici più miseri di Napoli, tra cui il Petrella che era il peggiore; la sua interpretazione di una macchietta di scugnizzo scritta da Giovanni Capurro, l’autore dell’intramontabile canzone ‘O sole mio, fu decisiva per il futuro del suo teatro, fatto di creature dolenti, uomini, donne, figliole pericolanti e capere. Fino alla Prima Guerra Mondiale si accontentò di lavorare nei caffè-concerto e nei varietà come macchiettista e dicitore di canzoni, lottando duramente non solo per la sopravvivenza, ma soprattutto per affermare la sua personalità di artista. Nel 1918 costituì con la sorella Luisella, cui aveva dedicato la splendida So’ bammenella, sul mondo della prostituzione, una compagnia teatrale che divenne palcoscenico quotidiano delle inquietudini e dei patemi del popolo. I formalisti e i burocrati del tempo non gli perdonarono mai, anche dopo la morte avvenuta nel 1950, di aver contribuito a diffondere nel mondo quell’immagine di Napoli così miserevole e reietta.
Ben poca cosa, rispetto a quella vasta letteratura “spicciola” che per tutto l’Ottocento e l’inizio del nostro secolo era fiorita intorno al fenomeno della miseria e dell’infanzia abbandonata napoletana, in coincidenza proprio con la politica assistenziale del grande internamento. Una vasta produzione di romanzi, racconti e feuilleton investe Napoli, oltre che con il più noto Mastriani, con Lauria, Ferdinando Russo, Del Balzo, e molti altri. In questa letteratura - come fa notare Lucia Valenzi - non mancano mai espressioni di disprezzo e disgusto per questo mondo misero che aleggia nel ventre della città. “... Lo sguardo di questi scrittori è lo sguardo delle classi al potere che se qualche volta è compassionevole e benevolo, il più delle volte è inorridito dalla miseria e insieme allo schifo concepisce la paura”. Paura - come tuttora - di alcuni quartieri e strade, quali la Vicaria, Forcella, ma ancora, di “una corte dei miracoli”, dove miracoli sta per falsi ciechi e moribondi, false donne oneste e vergini più disperate che “pericolate”. Un ambiente particolare in cui la paura in molti di questi romanzi viene sublimata con il folcloristico “... un po’ di sapone, masticato, simula mirabilmente l’epilessia...”, scrive Russo nelle Memorie di un ladro o ancora con spunti umoristici sulle trovate degli accattoni napoletani per fare qualche soldo: “... vecchie cieche e paralitiche che si stropicciano impazienti gli occhi vivaci ridiventati sani...” nel racconto I pezzenti. Per arrivare - prosegue la Valenzi - all’orrore per la mendicità molesta: “... uomini, donne, fanciulli, vecchi, sani, malati, hanno un solo scopo: l’avidità”, si legge in un altro passo delle Memorie di un ladro. Del resto il problema della mendicità, dopo il 1860, aveva coinvolto lo stesso Consiglio Comunale in cui si parlava di “migliaia di mendicanti che per commuovere gli animi dei cittadini mostrano schifosissime piaghe vere o procurate, chi bimbi sparuti, abbandonati e quasi moribondi per lo più presi in fitto da chi faceva di essi turpe mercato”. Una messinscena descritta con toni pittoreschi da Antonio Ranieri, nel suo romanzo-denuncia Ginevra o l’Orfana dell’Annunziata, in cui la piccola Ginevra, la protagonista - come altri bimbi del brefotrofio - sarà costretta suo malgrado a prestarsi. Il libro di Ranieri, come quello di Mastriani, La Medea di Porta Medina, in cui, quest’ultimo definisce “un mercato di bestie” quello che si faceva delle fanciulle da maritare nella festa dell’Annunziata, costrette dalla Santa Casa ad unirsi a “schifosi e luridi vecchi”, suscitarono a quel tempo aspre critiche, tra cui quelle di Carlo Conte, il quale affermò a difesa della pia Istituzione, che questi romanzi “siano pure storici o appiccicati a leggende storiche” non hanno altro scopo che quello di “mettere a nudo diverse abitudini per screditare il popolo di Napoli e portare disonore ai loro governi”, sottolineando che per quanto riguarda questi ultimi, certamente il giudizio va attribuito agli storici. Quanto alle abitudini plebee, “son dolente che un napolitano come Mastriani ne meni tanto romoroso scalpore per ottenere il plauso, visto che le plebi dovunque da secoli hanno mantenuto e mantengono abitudini che alle classi più elevate spessamente fanno arricciare il naso”.
L’infanzia abbandonata comunque è un tema caro a tutta la letteratura, soprattutto quella europea, che mostra anche qui un ambiguo sentimento borghese nei confronti dei “figli della colpa”. Dall’Oliver Twist di Charles Dickens, al Sans Famille di Malot fino al The People of Abyss di Jack London, in cui si ha davanti un protagonismo polimorfo del trovatello, simbolo di una infanzia, come nel caso di Oliver Twist, di una classe sociale che educa i figli attraverso una “letteratura a suo uso e consumo”, costellata di piccoli eroi, di buoni sentimenti, sebbene orfani o trovatelli, che conservano intatta la loro innocenza, facendola alla fine trionfare, pur tra mille peripezie e vivendo negli infimi slums di Londra. Il piccolo Oliver, infatti, trovatello e allevato in un ospizio di mendicità, fuggito a Londra, dopo tante disavventure e cattive compagnie, riuscirà a non diventare un malfattore e a trovare un padre adottivo nel buon Brownlow. Anche il cinema neorealista con Rossellini e Vittorio De Sica e poi quello déraciné di Truffault e Vigo, non riesce a sottrarsi al fascino di questo immaginario infantile: come nella letteratura, viene fuori sempre l’immagine di un bimbo povero, senza radici (come in Sciuscià), addirittura senza odore, come nel romanzo di Patrick Suskind, Il Profumo (in cui il trovatello Grenouille viene restituito dalla balia cui è stato affidato perché non ha “l’odore tipico dei neonati”) e che lotterà per sopravvivere, anche sotto il peso della guerra (ciò che accade in Sciuscià), per trovare la sua identità, il suo “specifico”, trasformandosi alla fine in un piccolo eroe che piega a sé il cuore chiuso degli uomini.

La mediocrità e la miseria del tempo a Napoli colpirono i sentimenti di un altro grande della cultura, Giovanni Ca?purro, il già citato autore de ‘O sole mio, un uomo definito ingiustamente di “media cultura ma dal cuore immenso come la semplicità del suo pensiero”. Anche lui guardò a quel mondo di miserie, cantandolo, attraverso la sua schietta parlata vernacola, con tutte le sue ingiustizie, le sue vicende grottesche e le sue tristi figure. Nelle sue Car?duc?cianelle, che ispirarono anche Pranzo ‘e beneficenza e Carità, non poteva mancare il trovatello dell’Annunziata in cui lo sguardo compassionevole del poeta penetra Dint’ ‘o Sta?belimento d’ ‘a Nun?ziata restando colpito da una scena di dolore che provocò appunto i versi de ‘O fi?glio d’ ‘a Ma?donna. Il poeta aveva incontrato un piccerillo di tre anni, “tantu bello ‘e faccia, tan?to cuieto, va sapenno ch’era ciunco e cecato...” nel gior?no della festa dell’An?nunziata, quando il brefotrofio apriva come d’usanza le sue sale alla visita del pubblico. Il piccolo stava “cu ‘na siggiulella, ‘na mana appesa, n’ata nzino, e ‘a capa ncoppa ‘a ’nu scanno: ... pareva che durmeva”. Capurro si chiede pietosamente “... a chi penzava accussì piccirillo, penzava ‘a mamma? Ma che ‘nne sapeva si sta parola nun l’aveva mai ’ntisa... vedeva forze ca pur’isso steva p’ ‘a mala sciorta iettato llà dinto?”. Il bimbo infatti non ne poteva sapere niente perché “‘o iuorno, ’a notta, sempe ‘a stessa cosa: era cecato. Chella faccella tanto appuccundrosa era nu segno! Ll’anema parlava, senza parole dint’ ‘o ghianco ‘e ll’uocchie. Poveru figlio! Chillu criaturiello era ‘na pena!”. Non è azzardato dire che i versi soffusi di umanità di Capurro furono dettati dalla visione della tela di Gioacchino Toma che ne ritrasse lo stesso dramma umano ne La guardia alla ruota dei trovatelli, esposta oggi alla Galleria Nazionale di Roma: nel fondo la ruota, sul lettino il bimbo abbandonato, contro il muro. Forse piange, ma il suo pianto innocente pare non commuovere le due donne addormentate, indurite dall’abitudine alle miserie umane. Anche Toma era orfano, crebbe negli stanzoni angusti dell’Ospizio dei Poveri di Giovinazzo, vicino Lecce, esprimendo, sin da piccolo, la solitudine della sua vita nel disegno e nella pittura. Dalla Puglia, a metà dell’Ottocento, sbarcò a Napoli offrendosi a servizio di un pittore di natura morta che era un certo Gennaro Guglielmi, con bottega sulla strada del Museo. Toma ebbe una vita piena di amarezze e stenti, di oppressioni e ribellioni che lo portò anche a partecipare all’onda liberatoria di Gari?baldi, ma rientrato a Na?poli - come egli stesso scrive nei suoi Ricordi di un orfano - “... non trovai più nulla della mia roba perché l’amico mio cui l’avevo lasciata era morto e i parenti si erano impadroniti di tutto... Compratomi allora il necessario, mi sistemai in una stanzuccia e ricominciai a studiare e dipingere...”. E sarà la sua miseria e profonda solitudine in cui morì nel 1891 a illuminare la sua pittura, monda da ogni retorica (da Il viatico dell’orfana, a Luisa San Felice nel carcere, e Romanzo in convento). Una creatività e un sentimento, quindi, che questi artisti del popolo fecero assurgere a vera arte e che si plasma, si colora, diventa materia quasi celestiale, nelle realistiche sculture di Vincenzo Gemito che, insieme al suo amico pittore, Antonio Mancini, anche lui orfano, visse sin dalla fanciullezza i momenti della pazzia e dello sdegno, della remissività e della speranza, in questa continua rappresentazione dello scugnizzo napoletano. Figlio di tutti i tempi che la Storia continua a restituirci in mille forme.


tratto da ‘ La Rota degli Esposti’ a cura di Patrizia Giordano, Altrastampa, II° ristampa, Napoli maggio 2004

Galleria immagini

Continua in questa categoria: Le donne del peccato »

Links

Studio 147
Guida agli appuntamenti in citta', online tutte le informazioni utili.

SVILUPPO DONNEIMPRENDITRICI
Un network al femminile di donne professioniste, imprenditrici e aspiranti imprenditrici in tutti i campi che creano sinergie per crescere professionalmente.

NeveDonna 2011
L'evento dedicato alla Donna, un'occasione unica di Networking. Tre giornate di sinergie e benessere, di incontri e presentazioni, conferenze e laboratori con e a cura di Donne, Aziende, Imprese, Istituzioni, Club, Circoli, Associazioni, per mettersi in gioco, cogliere e generare opportunità personali, professionali e sociali.

Banco di Napoli
Il Banco di Napoli trae origine dai banchi pubblici dei luoghi pii sorti a Napoli tra il XVI e XVII secolo. Attualmente è una Società del Gruppo Intesa Sanpaolo.

Istituto Banco di Napoli Fondazione
L'Istituto Banco di Napoli è una Fondazione che persegue fini di interesse sociale e di promozione dello sviluppo economico e culturale nelle regioni meridionali. Ha sede nel Palazzo Ricca, Via Tribunali 213 -Napoli.

Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Il Ministero per i Beni Culturali e Ambientali fu istituito da Giovanni Spadolini, con il compito di affidare unitariamente alla specifica competenza di un Ministero appositamente costituito la gestione del patrimonio culturale e dell'ambiente al fine di assicurare l'organica tutela di interesse di estrema rilevanza sul piano interno e nazionale.

NarteA
NarteA è un’associazione culturale costituita da un gruppo di giovani uniti dalla passione per l’arte in tutte le sue forme ed espressioni ed ha come principale obiettivo la promozione, attraverso la divulgazione, del patrimonio storico e artistico della città di Napoli.

Associazione Amici degli Archivi Onlus
L’Associazione Amici degli Archivi Onlus è stata istituita con atto notarile nel 2000 ed ha come scopo la conservazione e la valorizzazione del patrimonio culturale italiano. L’Associazione è presieduta da Giulio Raimondi, già direttore del Grande Archivio di Napoli e Sovrintendente Archivistico per la Campania.

Giovanna Izzo Sampaolesi
Restauri e Conservazione, esecutrice lavori ripristino due Guglie Cavalli di Bronzo e Ciborio SS. Annunziata.

Il Cerchio
Rivista Il Cerchio di Napoli diretta da Giulio Rolando.

Lucio e Mariolina Mirra
Teatro Diana e Teatro delle Palme in Napoli.

Libreria Neapolis
di Annamaria Cirillo, Libreria Napoletana Via San Gregorio Armeno, 4 Napoli.

Al Blu di Prussia
L’idea e il progetto di restituire alla città un luogo d’arte, si deve alla caparbietà della famiglia Mannajuolo, in particolare di Giuseppe Mannajuolo, nipote di quel Guido che ha reso, dal dopoguerra in poi, il suo spazio espositivo un vero e proprio punto di riferimento della cultura figurativa napoletana. Via G.Filangieri 42 - 80121, Napoli.

Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E)
Il Museo d’Arte Contemporanea Donna Regina (M.A.D.R.E), Via Settembrini 79 - 80139 Napoli, sorge nel cuore storico di Napoli, a pochi metri dal Duomo e dal Tesoro di San Gennaro, a cento metri dal Museo Archeologico Nazionale e dall’Accademia di Belle Arti (Galleria d’Arte Moderna), lì dove si sviluppa l’antico quartiere di San Lorenzo.

Istituto Italiano per gli Studi Filosofici
L’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, Palazzo Serra di Cassano, Via Monte di Dio 14, 80132 - Napoli, è stato fondato nel 1975 a Napoli da Enrico Cerulli, Elena Croce, Pietro Piovani, Giovanni Pugliese Carratelli e da Gerardo Marotta, che ne è anche il presidente, intorno alla biblioteca umanistica di oltre centomila volumi, messa insieme in un trentennio di pazienti ricerche di fondi librari in tutta Europa.

Civita
Civita ha ampliato nel corso degli anni i propri spazi di intervento operando sul territorio per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale del nostro Paese. Oggi il Gruppo Civita è costituito da due diverse realtà, ognuna delle quali possiede una propria specializzazione e funzionalità operativa: l' Associazione Civita e Civita Servizi.

Fondazione Mondragone
La Fondazione Mondragone si trova a Napoli, in piazzetta Mondragone, in un complesso monumentale che comprende la Chiesa di Santa Maria delle Grazie. L'ente promuove l'innovazione nelle attività legate alla Moda. Ospita poi il Museo del Tessile e dell’Abbigliamento "Elena Aldobrandini" che testimonia con il suo patrimonio, la creatività, il gusto e l'antica tradizione che l'artigianato meridionale vanta in tale settore.

Palazzo Reale Napoli
Palazzo Reale di Napoli

Soprintendenza Archivistica per la Campania
Via San Biagio dei Librai, 39 - 80138 Napoli
Presidente Dott.ssa Maria Luisa Storchi

Comitato Civico di S.Maria di Portosalvo
Presidente: Avv. Antonio Pariante - Napoli, C.so Umberto I, 34

Associazione No Comment
L’associazione No Comment nasce a Napoli nel gennaio 1999, con l’intento di fare “memoria visiva” del quotidiano napoletano, dando visibilità ai bisogni dei soggetti disagiati e meno garantiti, promuovendo i valori della solidarietà, della legalità e del bene salute. La No Comment si adopera, nei limiti delle proprie disponibilità, per promuovere una informazione visiva no profit, richiamandosi alle indicazioni dell’articolo 21 della Costituzione Italiana e all’articolo 19 dei Diritti dell’uomo.